News & Eventi

Posts Tagged sef

Incentivi per la filiera Turistico Culturale

 

 

Misura:
185 Titolo II
Attrattori turistici

Ente gestore:
Invitalia Spa

Ambito territoriale:
Alcuni comuni della:   Campania  – Puglia                   Calabria  – Sicilia

Tipologia Agevolazione
50% conto capitale       più       50% mutuo a tasso agevolato

Tipologia investimento:
Opere murarie e macchinari limite massimo investimento per 129.114 Euro

Scadenza:
Esaurimento risorse

Incentivi per la filiera turistico culturale

Il Programma Operativo Interregionale “Attrattori culturali, naturali e turismo” (FESR 2007/2013, obiettivo operativo II.1) prevede un insieme di interventi per stimolare uno sviluppo economico che valorizzi il patrimonio culturale, naturale e paesaggistico e che migliori l’offerta turistica delle regioni Sicilia, Calabria, Campania e Puglia.
18 milioni di euro finanziano la nascita di nuove iniziative imprenditoriali nella filiera turistico-culturale , con il duplice obiettivo di riqualificare l’offerta turistico-culturale e paesaggistica dei territori e contemporaneamente creare nuove opportunità per l’ingresso nel mercato del lavoro.
GLI INCENTIVI 

Le agevolazioni previste dall’Autoimpiego (Tit. II D.Lgs. 185/2000) sono disponibili per realizzare idee di business nei Poli di attrazione

  • Calabria
  • Campania
  • Puglia
  • Sicilia

Le idee di impresa proposte devono riguardare attività turistiche o connesse alla fruizione dei beni culturali e naturale nel rispetto del principio di sostenibilità ambientale e sociale

In allegato:

Elenco codici Atecofin ammessi

Elenco comuni ammessi

Scheda sintesi 185 Titolo II

 

per info:

dott. Errico Formichella (SEF)

Ufficio Studi AGAR SPORT MANAGEMENT

Posted in: Circolari e Normative, Ultime News

Leave a Comment (0) →

Legge nuova Sabatini bis

Misura:
Nuova SabatiniEnte gestore:
Ministero Sviluppo EconomicoAmbito territoriale:
Tutta ItaliaTipologia Agevolazione
Contributo conto interessi

Scadenza:
Esaurimento risors

Nuova Sabatini

 

Dal 31 marzo 2014 è aperto lo sportello per l’accesso alle agevolazioni della Sabatini bis, il meccanismo agevolativo istituito dall’art. 2 del D.L. 69/2013.

La misura riconosce un contributo in conto interessi, da concedersi a fronte di finanziamenti accesi per l’acquisto, anche mediante operazioni di leasing finanziario, di macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa e attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali.

Il contributo in conto interessi riguarda i soli finanziamenti e le operazioni di leasing finanziario che abbiano durata massima di 5 anni.

Le operazioni finanziarie (prestiti o leasing) agevolabili possono essere richieste per un importo non inferiore a 20.000 euro e non superiore a 2 milioni di euro, anche a copertura totale delle spese ammissibili.

Il contributo in conto interessi concedibile è pari all’ammontare complessivo degli interessi calcolati, in via convenzionale, al tasso di interesse del 2,75% su un finanziamento della durata di 5 anni (con un piano di ammortamento a rate semestrali costanti) e di importo equivalente al finanziamento.

Le imprese beneficiarie possono accedere anche alla garanzia del Fondo per le PMI, con una copertura dell’80% dell’importo complessivo del prestito.
Le richieste di garanzia relative ai suddetti finanziamenti agevolati saranno esaminate dal Comitato di gestione del Fondo in via prioritaria.

Iter di concessione finanziamento

  1. La delibera

Entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di ricezione della comunicazione da parte di Cassa depositi e prestiti della verifica disponibilità plafond e della disponibilità dei contributi, la banca/intermediari finanziario adotta la delibera di finanziamento.

  1. La stipula del contratto

La stipula del contratto di finanziamento deve avvenire entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di erogazione da parte di Cassa depositi e prestiti della provvista erogata a valere sul plafond, pena la decadenza dal contributo concesso. Qualora il contratto di finanziamento non sia stato stipulato entro tale termine ovvero sia stato stipulato per un ammontare inferiore a quello indicato nella delibera di finanziamento, la banca/società di leasing è tenuto a darne comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico.

  1. L’erogazione del finanziamento

Il finanziamento deve essere erogato in un’unica soluzione, entro 30 giorni dalla stipula del relativo contratto di finanziamento, con facoltà per le banche di eseguire i pagamenti direttamente in favore dei fornitori delle PMI, in relazione ai beni oggetto del finanziamento.

In allegato :

Scheda sintesi misura

 

a Cura del

Dott. Errico Formchella (SEF CONSULTING)

Ufficio Studi AGAR SPORT MANAGEMENT

Posted in: Circolari e Normative, Ultime News

Leave a Comment (1) →